Pagine al vento

11138595_388640697989425_5259321300125333665_n

Scrivo, scrivo da sempre, pagine e pagine è la mia maniera di parlare con il tempo,la vita , il mare il vento, l’ anima e  Dio.  Tratti  incerti e sicuri che diventano parole, come guardarmi e respirare piano ed  attraversarmi   e  percorrermi  a volte soltanto per incidere una via sulla mappa dei miei pensieri vasti. a volte per trovare una strada  tra i cunicoli della memoria  e  piantarci un punto, da dove partire o fermarmi. Pagine scritte su seta o pietra, schizzi netti, decisi, indelebili, parole una dopo l’altra, da ingoiare senza chiedere nulla, pagine che trascinano fino in fondo, che prendono per mano e portano fra le righe, pagine dove c’è molto  di più che stare dentro i bordi, che con le dita fanno girare un altro foglio, fare un passo oltre. Pagine che sono una storia, una vita, una piega dopo l’altra, un respiro dentro ad un altro… fogli  che ho scritto con il rumore di un temporale e i graffi della notte e cose scritte  avvolta in un torbido silenzio  servendomi soltanto del mio respiro tutto dentro.

Sono scivolate le mie pagine sottovoce, imbucate tra fessure di niente, lente come agonie e profonde come abissi, scritte con il cuore buttato in un angolo, dipinte dagli aloni della luna, scandite dai miei battiti confusi e respiri corti e poi ancora pagine di intimità sfrontata e irriverente, di desideri come schiaffi che trapassano lo stomaco e si accasciano in gola, incise sul rovescio della pelle , ma tra tanti scritti ritrovo  una folla di pensieri, scorciatoie disordinate della mia vita e tutto ciò che volevo,  che era scollarmi tutta la rabbia e la paura dalla pelle, dimenticare quell’attesa senza sosta   e capire che  volevo solo portare la mia anima accanto alla tua, e tu avresti compreso che l’amore non ha forma, che i sentimenti non prendono dimora in un corpo, nel cuore, nel volto, in un suono ma è un conto che torna, una porta, una sincerità, e tu ascoltando tutta questa tensione che mi spingeva verso te  avresti sentito che sarebbe stato per sempre, avrei voluto fartele  scivolare addosso le mie parole come dita sulle tue ferite e le mie,      allontanando    così quel velo impalpabile che separa le persone e scoprire l’universo della nostra interezza. Scriverti  la nostra casa con grandi finestre, vetri e luce come occhi tuffati sull’infinito, come i miei pieni striati di cielo e di tratti a matita, saturi di colori schizzati in gocce e fessure da dove poter vedere la neve che cade e la pioggia che grida, il mio sguardo avvolto da tutte quelle cose che non fanno rumore. Ti sono state accanto le mie parole. ..quelle dure,impotenti, taglienti come rasoi che grattano  tristezze e tutte quelle grondanti di brina, gocciolanti di tenerissima compassione per tutto ciò che ti è riuscito di fare, di dire, di amare, le ho posate tutte, una per una nelle tue mani mentre me le stringevi  con tutta la tua forte debolezza mentre  il cordone che ci univa veniva reciso  per  sempre…io ne trattengo ancora il sangue,  lo tengo sotto la lingua , continua a parlarmi di te.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...