Guarda, guarda…(memorie bambine)

2249640186_fe1befa1db_o

Un vecchio ritornello, una fotografia, un sorriso che sa di Sole…gioie antiche che hanno la stessa forza di allora, quando bastava cantare a tutta voce una canzone che faceva volare sopra ogni piccola tristezza: Ho provato ancora a ripeterla..mimando le giravolte di una rondine…mi è tornata un po’ di dolcezza e la tenerezza bellissima di un sogno che dice: 

“Guarda, guarda, guarda! Volano le rondini,
libere nel cielo, sono come te.
Vola col pensiero ma non farti prendere
dopo nella vita tutto cambierà.”

Di figli oramai grandi e piccoli sorrisi

11139422_10206755880763429_8536826921153206484_n

Rapimento mistico e sensuale…

Perché mi piace ciò che pensi e che dici…

perché in Te vedo le mie radici…

Dovrei cambiare l’oggetto dei miei desideri

non accontentarmi delle piccole gioie quotidiane…

Cercare l’Uno al di sopra del Bene e del Male

essere immagine Divina di questa realtà..

Battiato

P.S: E ti vengo a cercare..perchè Tu si, che sei diverso!

Ho il cuore pieno

11148447_536181473188741_7189097352653314055_n

Io ho l’abitudine di tacere quando ho troppe cose da dire e troppo di cuore.
(Guido Gozzano)

Ho il cuore pieno di Aurore e tramonti, luce bianca che disegna promesse e domani che si apprestano a venire e sfumature rosse-arancio  macchiate di sangue per il tempo che muore senza tenerezza;

Ho il cuore pieno degli occhi occhi di mia madre, verde selva come la profondità di un bosco da favola che racconta fiabe che avrei voluto sentire e le ginocchia piegate di mio padre che prostrato dalla solitudine si incunea tra costole e schiena..a cercare un posto illecito tra le mie braccia rimaste sospese in un abbraccio mancato;

Ho il cuore pieno, colmo di attese e partenze, soste senza fine con il biglietto in mano verso strade che conducono altrove e un treno che mai arriva, già passato, già andato …e piedi, scorticati e nudi su rocce di indifferenza che premono  su una bocca rosata, di possibile salvezza dal nulla che invade;

Ho il cuore stracarico di sillabe e parole, messe insieme alla rinfusa, allineate in ordine perfetto, sfilate dallo stomaco che brontola una voce incompresa, e musica portata dal vento che ha attraversato il deserto, poesie come petali di rose che durano la vita di sempre  con spine conficcate   tra i denti, tolte da un incanto imperfetto:

Ho il cuore gonfio di carezze e sorrisi e pioggia di lacrime senza fine per l’Amore come Mare di dolcezza e le ferite inferte dal fiato che non trova respiro, dal Bene che non trova casa, dai sassi lanciati  da un bacio mai dato:

Ho il cuore pieno…ci vivo io, ci vive ogni cosa che dilata e restringe..ci vive  ogni risposta e il battito di un’Armonia perfetta tra le trame indecifrabile di ogni istante che non ha posa.

L’Uomo e Donna

Prince_student-thumb

L’uomo è la più elevata delle creature .
La donna la più sublime degli ideali .
Dio fece per l’uomo il trono ,
e per la donna un ‘altare.
Il trono esalta , l’altare santifica.
L’uomo è il cervello, la donna il cuore.
Il cervello fabbrica luce , il cuore 
produce amore.
La luce feconda ,  l’amore resuscita.
L’uomo è forte per la ragione 
la donna è invincibile per le lacrime.
La ragione convince , le lacrime commuovono.
L’uomo è capace di tutti gli eroismi,
la donna di tutti i martiri.
L’eroismo nobilita’ , il martirio  sublima.
L’uomo ha la supremazia ,
la donna ha la preferenza .
La supremazia significa forza,
la preferenza rappresenta il diritto.
L’uomo è un genio,
la donna un angelo.
Il genio è incommensurabile;
l’angelo  indefinibile.
L’aspirazione dell’uomo è la gloria suprema 
l’aspirazione della donna  è la virtu’ estrema.
La gloria rende tutto grande, 
la virtu’ rende tutto divino.
L’uomo è un codice ,  la donna un vangelo.
Il codice corregge,  il vangelo perfeziona.
L’uomo pensa ,  la donna sogna .
Pensare è avere il cranio di una larva :
sognare è avere in fronte un’aureola.
L’uomo è un’oceano ,  la donna un lago.
L’oceano ha la perla che adorna ,
il lago la poesia che abbaglia.
L’uomo è l’aquila che vola,
la donna l’usignolo che canta.
Volare è dominare lo spazio,
cantare è conquistare  l’anima.
L’uomo è un tempio,
la donna il sacrario.
Dinanzi al tempio ci scopriamo ,
davanti al sacrario ci inginocchiamo.
Infine :
L’uomo si trova dove termina la terra ,
la donna  dove comincia il cielo.

Victor Hugo