Donne…

38793E parlo di noi donne…che ci sentiamo sempre brutte, eternamente attente alla linea, continuamente  concentrate sui i nostri fianchi , la cellulite,  la pancetta e i  glutei che strabordano dai leggins, precise a trovare ogni minimo difetto che non ci fa sentire sicure e soddisfatte, allora comincia quella nostra interminabile estenuante battaglia all’ultimo pelo, l’ultima ruga, l’ultimo segno che ci fa provare quel senso disarmante di  sfiorimento.

Chi non ha mai provato a cancellare la stanchezza, il peso e gli anni ingegnandosi in tutte quelle manovre al limite dell’assudità per rimediare a tutti gli anestetismi che ci assillano?

 Quando non ci vediamo e sentiamo belle siamo capaci delle torture più allucinanti, tratteniamo il respiro all’inverosimile per estrapolare quel pelo che sembra un chiodo, siamo in grado di ammutolirci per venti minuti eterni, e per noi rappresenta un record nel guinness dei primati il tempo necessario perchè la nostra maschera ,quell’intruglio  che fa venire conati di vomito solo a guardarlo, faccia effetto e poi lo rimuoviamo sperando nel miracolo, possiamo dormire con i bigodi in testa e le forcine che si infilzano come spilli nel cuoio capelluto e svegliarci stordite dopo non aver chiuso gli occhi illudendoci che il sacrificio ne è valso la pena…sottoporci a trattamenti cosmetici lunghi come la morte e ricrederci persino della nostra tolleranza così labile a tutti quegli sguardi che ci squadrano e ce la dicono lunga su come siamo davvero se ci trascuriamo giusto un momento.

Ah, noi donne! Cosa non possiamo sopportare pur di sentirci affascinanti, pur di vedere un riflesso di desiderio! Tutto facciamo, tutto proviamo e ci sbattiamo la vita a provare sempre cadendo nelle ridicolaggini più assurde, per sentirci dire almeno una volta: Bella!

Giusto, perfetto , sacrosanto diritto quello di aver cura di noi, del nostro corpo e del nostro aspetto senza mai dimenticare però che siamo state belle davvero soltanto quando ci siamo sentiti amate, no belle, di più: eclatanti,e stupende, siamo diventate fiori sbocciando di ogni colore e tramonto incantevole di fuoco e luce, siamo  uno sguardo d’incanto senza fine soltanto quando amiamo, allora non c’è cura che tenga, siamo meravigliose senza speranza e senza miracolo!

G.M

Tienimi con te

Quante onde ha il mare
come belve in gabbia
sempre lì a scappare
e noi siamo solo sabbia
e che pena poter bagnare
appena le labbra

fino alla fine
fino a che si può
e fino al confine
fino all’ultimo
fino alla fine del tempo
fino a che ce n’è ancora un po’
e fino alla fine di tutto
fino allora tu
tienimi con te

Baglioni

Sorelle

beztroskizm_by_ravis_sante

Sento di essere stanca, di avere in bocca quel gusto strano di miele e sangue, non mi abituo ancora al sole quando si dissolve e i miei respiri assomigliano tanto a fili appesi che cadono sulla schiena e fanno troppo rumore, i miei occhi restano ruvidi e non scivolano s’affannano su orizzonti lontani troppo distanti, rimangono ancora vuoti da colmare e non mi basta niente.

Forse c’è che c’è ghiaccio, un ghiaccio infernale ed io ho mille perle di profumo che non so distribuire che non posso trattenere tutto l’esistere che inseguo lo sento addosso, sotto la pelle, e mi abbandono tra le braccia della nostalgia  aspettando di compormi, salgo e riscendo imbrigliando i pensieri, ho mille strade e vene attorcigliate che non so raccontare, la vita mi appassiona e poi improvvisa mi sfugge e con lei tutto il senso e rimango sola, dannatamente sola e mi piace.

Sono l’unica presenza che riesco a sopportare,  sono sola e vasta ed  ho una melodia irresistibile che risuona nella testa che mi seduce, ma che poi si perde ed io non riesco a dire basta.

Quando provi la solitudine dell’abbandono impari a accontentarti, a ridurre le pretese, ho trascorso troppo tempo in una terra lontana esiliata dalla possibilità di ricevere amore ed ora disegno la luce dove posso divorando la mia stessa cecità.

Scappavo, in convento, fuggivo appena potevo, mi nascondevo  nei posti più strani pur di non farmi trovare, sono stata punita tante volte per questa ragione perché nel mio rifugio segreto dimenticavo ogni cosa mancando spesso agli appuntamenti per le preghiere, le suore  allora si accorgevano della mia assenza e cominciava una vera e propria caccia per ritrovarmi magari seduta in un angolo del giardino nascosta dietro ad un cespuglio, o accomodata tranquilla tra i rami di un albero. “Devi toglierti questa abitudine di nasconderti, si può sapere perché lo fai, vuoi metterci tutti in allarme e farti cercare, lo fai per dispetto”? Mi rimproverava la suora, afferrandomi per un orecchio.“No, non lo so, lo faccio perché mi piace”. Rispondevo  tranquilla, impassibile di fronte alla minaccia di una punizione.

Mi sono domandata  sovente anch’io  perché sentivo l’impulso irrefrenabile di scappare a nascondermi,  e credo di aver capito che talvolta la realtà  del convento era davvero insopportabile tanto da indurmi a cercare un rifugio segreto, un luogo nascosto da tutti per poter dare sfogo alla mia rabbia, alla mia delusione, per scaricarmi di lacrime senza sentirmi così costretta a fornire spiegazioni, forse un vago senso di dignità del dolore.

Sapevo che mai avrei trovato consolazione e sollievo a tutta la tristezza che provavo, che non avrei  trovato mai uno sguardo  che potesse parlarmi di me. L’attesa dei miei genitori, di loro notizie mi lacerava di impazienza e timore, lo sgomento e l’incertezza di un ricongiungimento mi straziavano la mente, cercavo di vincere il turbamento con tutte le forze, ero frenetica, ogni giorno inventavo qualche marachella per sviare l’attenzione da quell’ incessante tormento.

Mia sorella era l’esatto contrario di tutto ciò che io ero, timida e riservata, chiusa a riccio nella sua fortezza si appartava spesso solitaria a giocare e parlare con la sua bambola composta da una vecchia coperta a cui erano stati stretti dei lacci  per simularne la forma del capo e degli arti. La rivedo, con i suoi grandi occhi neri, spauriti  e velati, la sua espressione assente e distante, la pelle scura olivastra di mio padre seduta su un gradino usurato  mentre culla la sua pupa di stracci, la sento mentre canta timida  e sommessa la sua nenia perpetua che non trova mai sonno. Di noi si poteva dubitare persino della nostra origini comuni tanto la differenza fisica e caratteriale, i miei capelli erano ondulati e chiari, la mia pelle mista tra quella eterea di mamma e quella scura di papà le mie guance paffute e arrossate insieme agli occhi vispi e profondi.

Con il passare degli anni la diversità fisica si  è attenuata a tal punto che a vederci vicine, una accanto si comprende facilmente che siamo sorelle, abbiamo in comune le stesse espressioni, lo stesso sorriso, e lo sguardo spesso adombrato da nuvole disegnate dai medesimi ricordi, persino un simile timbro vocale. Per quanto concerne il carattere anch’esso con il tempo ha trovato molti punti in comune, lei ha superato la timidezza che l’ha contraddistingueva da bambina pur mantenendo un atteggiamento di fondo calmo e lento, io ho imparato a tenere a freno la mia esuberanza pur conservando la mia frenetica eccentricità.

 Entrambe abbiamo trovato nella creatività, stimoli, bellezza e motivi di gioia, lei è un’eccellente pittrice che dipinge tele di encomiabile fascino, io ho trovato nella scrittura la mia fonte di espressione e quiete.

Resto convinta che la creatività, è un ottimo medicamento per l’anima, spesso attraverso questo canale si curano e si imparano a domare i segni delle lacerazioni più profonde, si purifica  il dolore, ogni forma d’arte eleva lo Spirito inevitabilmente e ti spinge oltre, dentro te nel profondo e invita ad esprimere, comunicare, donare e condividere, ti obbliga ad abbracciare il tuo ego per poterlo espandere, ti propone di lasciar andare senza trattenere, ti educa all’offerta che è poi il vero senso della libertà, ti obbliga alla verità, ti avvicina a quel senso  immenso dell’ Amore,  del Dono e della Vita. 

In convento, nutrivo nei suoi confronti istinto di protezione, mi accertavo sempre che nessuno potesse farle del male, che nessuno potesse approfittare mai della sua indole così apparentemente bonaria e riservata, mi sentivo più forte nonostante io fossi la sorella minore mantenendo nei suoi riguardi un sentimento  quasi materno.

Crescendo ho capito in diverse occasioni che in realtà lei non era affatto debole e disarmata, ma come me aveva adottato un suo comportamento difensivo  a fronte di un malessere che le divorava ogni giorno il cuore.

Per lungo tempo lei ha rimosso dalla mente ogni ricordo della nostra vita in convento; solo in rare occasioni si è lasciata sfuggire qualcosa alludendo ad una funesta assenza di affetto che aveva desolato irrimediabilmente la sua infanzia, non si è mai lasciata trascinare come me nella voragine di tutto quel tempo che come  fiume in piena inonda  ogni traccia di vita e ti lascia esausta, inerme vuota.

 E’ strano come sovente si ci difende dal dolore, qualcuno erge palizzate e ponti e si mantiene a distanza di sicurezza abbastanza per non farsi distruggere totalmente qualcuno l’affronta a petto aperto  lasciandoci brandelli di cuore e qualcuno ancora  semplicemente cerca di dimenticare;

sicuramente io e lei abbiamo affrontato la minaccia, il pericolo, la sfida e infine la battaglia in ogni modo, ma in tempi e modi diversi di questo sono certa perché a tratti ho visto nei suoi occhi  le mie stesse sconfitte le delusioni, le conquiste, la fierezza e gli inganni.

Oggi mi manca da morire, di lei mi manca la spensieratezza della nostra infanzia mai stata  ho troppi ricordi  di sorrisi  macchiati e l’ombra di una tristezza infinita che contorna  la memoria,  non ho corse gioiose  e visetti felici che guardano verso il sole ma la staticità imperfetta dall’attesa che ti costringe a guardare verso muri di pietra, le braccia tremanti di freddo e abbracci nel vuoto, so che come me  ogni giorno paga il conto di quella anomalia di protezione che ci ha reso più fragili e ha permesso di farci sentire umiliati, in difetto d’amore , affamati  e indolenziti per sempre.

Oggi mia sorella se la cava, si è salvata come me dalla morte del cuore me ne accorgo quando le sento esultare di entusiasmo per il bene, il nuovo e l’inatteso, l’ho vista vibrare di dolcezza e tenerezza  per un sorriso, una parola un gesto apparentemente insignificante  e leggero, l’ho scorta celare timida lacrime di commozione per una attenzione gentile, un gesto d’affetto garbato è vero il suo cuore è desto, vigile e attento, tutte le pieghe che ha lasciato il dolore si tendono in moti di speranza ad ogni segno di calore, il suo sguardo così lungamente perso e distante si aggrappa al cielo appoggiandosi al domani che muta ogni volta, carico di fiducia consolato dall’ accettazione.

G.M

 

 

 

 

 

 

 

 

562868887

Mia nonna diceva che le lacrime lavano gli occhi…lei aveva una citazione per ogni cosa ed io mi sono sempre chiesta che cosa avrebbe mai detto delle lacrime invisibili, quelle che non si versano mai ma che ti piangono dentro, quelle della disperazione più dura che macchia l’anima di nebbia e di polvere nera, quella della solitudine che non è stare soli ma sentirsi perduti nel vuoto che non colma, cosa avrebbe mai detto delle lacrime di ogni tempo perduto senza avere la possibilità di fermarsi in un cuore per amare ed essere amati, per sciogliere un nodo o afferrare una corda e salvarti così dalle ombre che oscurano ogni sorriso.

Le lacrime lavano gli occhi, sì davvero, quando dopo la notte senti che c’è un’alba che bussa luce ed è così per tutti, anche per te che orami non ci credevi più, le lacrime bagnano, bagnano e lavano e sono gocce di vita che inondano il deserto dove avevi piantato dimora da un’eternità che non conta domani, bagnano e le puoi sentire..sono pioggia a lavare la mente mentre afferri un baleno di gioia improvviso e lo stringi forte prima che venga bruciato dalla poca fede e da troppa fretta…lacrime e felicità da respirare come fosse aria, una boccata che risveglia il cuore che ti dorme sulle costole ormai abituato a contarti le ossa. Ora con gli occhi lavati, annacquati guardi e sorridi…c’è ancora pelle, carne che reclama amore e sangue che vibra al tocco del sole.

 

G.M