14292334_783747311766291_4063161674512734298_n

Qualche volta mi chiudo nel Silenzio…capita, quando ho la bocca asciutta, il cuore stanco e la mente stremata, sono fatta anche di questo : notti che non finiscono mai! Ma anche la notte è un utero gravido di luci, di giorni, di mattini, di vite da vivere, di morti da morire, di resurrezioni da attendere. Aspetto, aspetto sempre.

 

Annunci

Ci vorrebbe…

IMG_2337.jpg

Ci vorrebbe un po’ di luce: negli occhi, sul viso e nel cuore…un piccolo spiraglio di pace calma…che mette tutto a posto: disordine e pensieri…guardo alcuni dei miei scatti…e devo per forza “aggiungere” tregua all’ inquietudine che inevitabilmente sempre affiora!

Giusy

 

Calendario…

Un altro compleanno mi troverà qui,
spettinato, in pigiama così
guardando il calendario, arrossirò,
e di un anno, più vecchio sarò
e poi, un alibi lo trovo semmai, vedrai!
Ti sembrerò insicuro, e confuso e già,
questi tempi, sono duri, si sa,
a stento, mi sopporto da anni ormai.
La domanda è la stessa: chi sei?
E’ vero. Sono l’unico amico che ho.
Sincero.
Finché sincero sarò, io vivrò. Io vivrò!
Si può morire, una volta di più.
Si può morire, se ti butti giù.
Si può morire, se non vivi mai.
Buon compleanno se resisterai!
Si può morire, se non trovi un’idea.
O indossi una pelle, che non è la tua.
Si può morire, non sempre da eroi.
Per questo silenzio, risposte ne hai?
Un altro compleanno! Ma senza di te.
Proprio adesso, non sei qui con me.
Preso dal successo e dalla tua vanità.
Il tempo passa te ne accorgi? Chissà
Amanti. Buon compleanno a voi!
Ai naviganti.
E ai cuori distanti ed a voi, giorni miei. Vinti mai!
Si può morire, di felicità.
A volte si muore e nessuno lo sa!
Si muore cantando. Ridendoci su.
Hai provato a morire, una volta, anche tu?
Morte apparente. Paura mi fai!
Morire per niente, è morire, semmai.
Se il corpo sente. La mente no.
Che senso avrà vivere? Davvero non so.
Di compleanni., ne festeggerò
Il coraggio, spero ancora ci sarà.
E chi mi dirà:/ Felice compleanno a te!
A te

Renato Zero

E non poteva mancare, oggi questa canzone che mi accompagna ad ogni compleanno…passano gli anni, le spalle si curvano un po’ sotto il peso di qualche consapevolezza in più…ma rieccomi qui, a farmi coraggio e sorridermi una volta di più: viva! e non per il respiro, ma per questo muscolo forte di sangue e battiti, più forte di ogni avversità! Buon compleanno a me!  Oggi ho voluto spegnere le candeline (soltanto due…gli anni non ci stavano sulla mia bella torta, ho chiuso gli occhi ed espresso il mio desiderio, proprio come da bambina, credendoci davvero! Buona fortuna!  Si dovrebbe  augurare ogni giorno, ai naviganti che ne sanno cogliere il significato  e lo sanno bene tutti coloro che sfidano il tempo, il vento e le tempeste ogni giorno..tutti i giorni  per  arrivare al Sole!

Giusy Montalbano

Di mare e mare

10978706_531154533692238_577101620812091270_n

Per troppo tempo ho fissato il mare, seduta ad un  angolo della mia solitudine, ora  so  con certezza che è il Mare a fissare me, se provo a nascondermi lui mi sguazza nel petto, se  provo a distrarmi mi pizzica la pelle e mi morde allo stomaco fino a sentirne la fame.

Mi sono dondolata da un’ altalena senza corda..da li ho cullato ogni tristezza contando troppe lacrime bruciate  ora vi scrivo il colore del Sole e il suono del violino sulla luna adirata.

Senza tutto questo mare  non sono che un’ombra spezzata,sono buio senza odore è così che il dolore si tramuta in pioggia e ogni inquietudine diventa neve sul grembo, piccoli ricami di fuoco segnati sulla pelle a scrivere la storia, una storia…la mia , antiche ferite che si sanano bruciando, pezzi scomodi da incastrare nel tutto con somma delicatezza, giorno per giorno mi ritrovo a riaccendere il sole, sistemare il brillo, scegliere l’inclinazione dei raggi, profumare l’aria: un po’ di gelsomino, un tocco di cumino , un pizzico di zagara e cannella, aggiustare i colori, una giusta mescola imperfetta di ocre, verde, magenta e tanto tanto blu, buttare baci, spargerli qua e là, a caso, accordare il vento, ricamare la luce , filare la nebbia..ogni tanto mi capita di mescolare memorie e sogni , vaghe storie imparate a memoria e a memoria dimenticate, ma è così che so vivere, non conosco altro modo, è così che cresco e imparo, e così che mi perdo e mi ritrovo, che resisto al pieno a e al vuoto, e così che so amare, nel calderone del mio cuore c’è tutto, tutto quel che riesci a capire o soltanto intuire e immaginare, nel mio cuore ci sono io, lì riconosco il mio nome quando viene sussurrato, lì danza armonioso il mio tempo perduto, vissuto e sperato, lì trovo il mio Mare, attesa, mancanza,nostalgia e canto che mi tiene viva.

Amo guardare il Mare  ad occhi chiusi,risalire e scendere sui tasti delle azioni dette,rintracciare scie di gesti riformare l’alba che arriva appena sopra il davanzale, quando il sonno,è sospeso ancora tra i capelli,mi sembra l’ultimo vagare attraverso i sogni. Uso la scheggia di una lastra di vetro come segnalibro dei miei pensieri.

 Sguardo che spazia oltre l’orizzonte  imbrigliando vibranti attese per cercare il senso di quel che origina una pennellata lieve di luce e di colori sulla tela della vita ed i respiri che strappano il percorso del tempo.

Tra l’ieri, l’oggi ed il domani mentre una lacrima asciuga una speranza… i pensieri come  rotaie impazzite per portare lontano le paure.

Capire che il Mare non concepisce “grigio” perchè  … e’ un colore strano. Non conosce le distanze.Che ne sa della voce e del silenzio? Dell’interrogativo che illumina la mia fronte?Del nero che non spegne i riflessi tra i miei pensieri e dell’umido che addensa la brina sulle foglie e del vento che le rende sottili e incolori? Cosa ne sa dell’estasi di una stanza,d’una finestra aperta e del mio sguardo che ruba vastità all’orizzonte e dell’etere che danza con la luce trasparente di una ragnatela…cosa ne sa.... del bianco della pagina che s’apre nel soffio esauribile del mio tempo.. ?

Io sono “diversa”. Non so se sia un bene o un male..i  miei sentimenti sono “strani” . Non so se sia un bene o un male,ma sono cosi’…non sono una foglia, io sono la foglia…le mie vene hanno un altro cammino,il mio colore,il mio tono….solo nei toni del Mare so riconoscermi..provare ad amarmi..ma amare ha mille e mille sfumature  che sola una tavolozza di Cielo può con(tenere).