10600526_705402126207020_8906527966601831544_n

Settembre.
E’ spiaggia deserta…è mare pulito…è sole delicato.
E’ luce azzurrina la mattina. E’ uno scialle sulle mie spalle la sera.
 E’ tenui colori dell’autunno vicino. E’ l’odore di gomme e matite e libri nuovi di zecca. E’ la voglia di un nuovo vestito, di un nuovo profumo. E’ la voglia di iniziare una nuova fase.
E’ calma per capire dove sto andando.
E’ una promessa.

Gli occhi non hanno fine…quando guardano il Mare

Figliola ca guarde ‘o mare
‘o mare te porta luntano,
l’addove te calmo ‘o core,
è neve ca se scioglie ‘o sole

E t’annascunne fuoco pe capì meglio l’acqua,
e chiove munn nun te ride ‘mpietto sano.

Figliola ca guarde ‘o mare
te pierde, ma pe te truvare.

Nu suonno scumpare e nasce,
mistero, prianno a Dio da sera,
deserto chino ‘e specchio
e ogni foglia è n’anema,
e so mellune chine, aria ca dorme ‘ncielo

Figliola ca guarde ‘o mare,
l’uocchie nun tenene mai fine,
se moveno chianu chianu
p’aspettà na luce,
p’aspettà na luce.

Stranieri

Che occhi grandi hai!
Ma il sole han visto mai?

Che mani grandi hai!
Cosa stringono mai?

Non sembra vero…
Ma qui, non siamo più al sicuro!
Malata di cancro, la poesia.
L’asfalto è rovente…
La noia sempre più invadente…
E noi, più soli, più stranieri che mai! Che cosa siamo noi.
Le luci di città…
Inutile richiamo.
Sciocca curiosità,
Drogata fantasia…
Ignara è la città…
Ma c’è chi fa l’amore!
L’amore è ancora qua…
L’amore è qui in città,
E non s’arrenderà… l’amore!

Parlami Vita

11947633_495084793983484_5972116990009689872_n (2)

Sussurra refoli di vento tiepido

a pensieri debilitati, sfiniti

e incatenati

nell’ inerzia di un dolore,

toccami e scuotimi

calpestandomi e sfiorandomi

garbatamente con petali di loto

marca e disegna

vie che conducano all’ essenza,

sosta e fermati ancora

nei giardini della mia anima

per rifiorire sempre

e odorare di bellezza.

Bacia le labbra umide di pianto

prosciuga e secca le ferite

respira del mio fiato,

vibra e rivoltami il cuore

tra i battiti e un’ attesa

per ricompormi nella mia interezza.

Parlami vita,

afferrami, tentami ,seducimi,

richiamami, catturami

stringimi , possiedimi

e poi sospingimi

lanciandomi tra eternità e passaggio

tra vuoto e pienezza

io come piuma

mi muoverò in un cielo limpido

tra sole e luna

tra luci e ombre,

mi insinuerò tra i versi e le parole

sarò emozione forse anche fremito

ed il mio nome suonerà poesia.

Ho ritrovato questa poesia tra vecchi file…l’ho scritta tanti anni fa, ricordo esattamente il momento preciso e il luogo in cui mi trovavo, insomma tutto ciò che ha contribuito alla sua stesura, ammetto che la tentazione di metterci su le mani è stata forte…ho trovato subito due o tre cose che oggi scriverei in un altro modo, ma poi per fortuna ci ho ripensato e l’ho lasciata intatta.

Strano come nella vita si ripetono certe stagioni emotive e come noi nel tempo abbiamo un modo diverso di affrontarle, sentirle, viverle….e così mi accorgo di quanto sono cresciuta, di come sono cambiata, oggi misuro ancora la mia  forza ad ogni amarezza…mi dilanio il cuore ostinandomi ad amare a modo mio, ricucio i pezzi dell’anima fatta a brandelli dalla solitudine e mi permetto ancora di sognare… eh sì, mi è venuto da dire leggendo questo testo,  tu parlami Vita…continua pure…prima o poi mi ravvederò e forse mi risparmierò qualche bernoccolo ….!