Affida una lacrima al vento

Mia madre cantava spesso questa canzone…io l’ascoltavo, mentre ragazzina mi specchiavo, indossando i suoi abiti più belli, ne aveva due otre meravigliosi..pieni di paillettes, tutti luccicanti, scrutavo le mie forme acerbe e arrossivo vedendomi quasi donna…lei orgogliosa sorrideva, tirandomi su i capelli..era triste, triste davvero in quel periodo, ma cantava..cantava sempre,diceva : l’uccello in gabbia canta per amore o per rabbia, gioia mia! 

Tu mamma cantavi al vento, quello che ti portava mille dispiaceri facendoti sospirare d’amore e sdegno, cantavi esorcizzando la paura, la delusione, tenendo a bada la spietata consapevolezza per ogni tuo sogno infranto.

Oggi come te, ascolto questa musica, e mi pare di vederti, con gli occhi annacquati e il sorriso smorzato da una terribile amarezza mi pare di sentirti..”affida una lacrima al Vento….e fa che la porti da lei…” io vorrei ti giungesse…così che io possa sentire ancora il tuo amore come pioggia d’argento..a bagnare questo viso così tanto stanco..affido una lacrima al vento e ti copro di baci…non è un miraggio..io ti sento, prendermi in giro per le mie piccole curve, i capelli arruffati e i miei sbuffi di pensieri che non trovano pace…!

Beati i nostalgici, perché torneranno a casa

Bellissima…! merita reblog…grazie e un sorriso!

preghiere corte

«Fino ad oggi nessuno ha veduto gli uccelli migratori dirigersi verso sfere più calde che non esistono, o i fiumi dirottare attraverso rocce e pianure per correre in un oceano che non può essere trovato.

Perché Dio non crea un desiderio o una speranza senza aver pronta una realtà che la esaudisca.

Il nostro desiderio è la nostra certezza e beati siano i nostalgici, perché torneranno a casa».

(Karen Blixen “Capricci del destino”)

Preso da http://ungranellodisale.blogspot.it/

fenicotteri-in-volo

View original post

Non arrenderti

10338690_317877765074095_4572615901235728966_n

Mi commuove la semplicità di questi versi.

Sono diretti a chiunque,  in ogni  momento della vita perché non c’è un tempo per sognare, lottare, sbagliare, amare, perdersi e ritrovarsi…

C’è tempo…c’è sempre tempo…finchè c’è Vita c’è tempo

 Non ti arrendere

Non ti arrendere, ancora sei in tempo
per arrivare e cominciar di nuovo,
accettare le tue ombre
seppellire le tue paure
liberare il buonsenso,
riprendere il volo.

Non ti arrendere perche’ la vita e cosi’
Continuare il viaggio
Perseguire i sogni
Sciogliere il tempo
togliere le macerie
e scoperchiare il cielo.

Non ti arrendere, per favore non cedere
malgrado il freddo bruci
malgrado la paura morda
malgrado il sole si nasconda
E taccia il vento
Ancora c’e’ fuoco nella tua anima
Ancora c’e’ vita nei tuoi sogni.

Perche’ la vita e’ tua
e tuo anche il desiderio
Perche lo hai voluto e perche’ ti amo
Perche’ esiste il vino e l’amore,
e’ vero.
Perche’ non vi sono ferite che non curi il tempo

Aprire le porte
Togliere i catenacci
Abbandonare le muraglie
Che ti protessero
Vivere la vita e accettare la sfida
Recuperare il sorriso
Provare un canto
Abbassare la guardia e stendere le mani
aprire le ali
e tentare di nuovo
Celebrare la vita e riprendere i cieli.

Non ti arrendere, per favore non cedere
malgrado il freddo bruci
malgrado la paura morda
malgrado il sole tramonti e taccia il vento,
ancora c’e fuoco nella tua anima,
ancora c’e vita nei tuoi sogni,
perche’ ogni giorno e’ un nuovo inizio
perche’ questa e’ l’ora e il miglior momento
perche’ non sei sola, perché io ti amo.

 Mario Benedetti
(1920-2009)
(scrittore, poeta, saggista uruguaiano)