Devo ancora imparare

ade

Sono giunta alla conclusione dopo tanta vita che nessuno è immune dall’errore, la natura umana è naturalmente propensa a commettere sbagli ma Dio per fortuna non sta a guardare quegli spiccioli di tempo in cui si sprofonda, Egli considera il tempo in cui  ci si risolleva.

Tutte le ore, i giorni, i mesi e gli anni in cui la persona lavora e lotta invisibilmente per diventare migliore.

Troppo spesso, guardando gli altri, ci si sofferma soltanto alla caduta. Non bisogna mai giudicare.

Mi sono pure resa conto che mi piace il ruolo di allieva più che maestra e che proprio quando pensi di sapere tutto della vita, ecco che devi ricominciare daccapo, rivedere ogni cosa, trovare altri dettagli, vedere le cose sotto altre sfumature.

Questi sono per me sono giorni difficili, corro contro il tempo, lo sfido, lo provoco e lo invoglio ma lui mi insegna tra mille aspettative deluse che il suo disegno rimane misterioso e a me non rimane che accettarlo.

Ed imparo:

che vale più una carezza che cento parole, perchè alle parole deve seguire l’esempio perchè è questo che ti fa sentire coerente in ogni situazione;

che siamo tutti qui a scalare la montagna della nostra esistenza, arrampicandoci dove possiamo e che questo implica anche qualche brutto scivolone e finchè a spezzarsi restano le ossa ma salvaguardiamo il cuore allora siamo in tempo sempre a risalire;

che bisogna ricordare il passato, non per impantanarcisi, ma per tenerlo a bada e per questo non cederò più alle sirene della fatalità;

che mi sforzerò di andare oltre la prima impressione negativa e scandagliare il cuore delle persone, poichè l’altro vale di più dell’etichetta che gli appiccichiamo addosso;

imparo che non ho ancora imparato abbastanza e devo spogliarmi della presunzione che mi porta a credere di aver visto tutto e abbastanza…c’è in ogni giorno un raggio di sole che sfugge allo sguardo, un’ombra nascosta dietro qualche strano silenzio, una crepa pronta ad allargarsi a dismisura, una gioia che nemmeno sai di avere, una speranza che avevi riposto nel cassetto della rassegnazione, una mano invisibile che sposta un ciuffo ribelle che ti oscura la vista, una stretta forte che ti contiene tutta, un posto tranquillo che ti calma confuso tra i pensieri, i ricordi ed il cuore e da lì si ricomincia ad avere fiducia, da lì torni sempre nuova.

   

6 pensieri su “Devo ancora imparare

    1. che bel pensiero! Giuliettina cara conserva con cura questa bellezza nei tuoi occhi ti capiterà con gli anni di averne bisogno…te lo dice una non più tanto giovane signora! ti abbraccio e grazie del passaggio e della tua traccia.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...