Senza alcuna preghiera

11 (1)

Il vento non spira più aria
stringe catene
immobile muta si prosta la voce
al rumore del tempo
cade sola cade
speranza di cielo
che rami non giungono a toccare
e l’albero china la schiena
per giungere
agli occhi che strisciano
il baratro di terra che trema
pelle di corteccia striata da
sfoglia di luna che dorme
mani che danzano petali dischiusi
alla notte
scortica la vita fino alle ossa
se giungi alla soglia del sole
e non sai tornare
cade la lingua
nella fornace del fuoco
senza più scrivere giorni
prima della cenere
un rombo un silenzio
senza alcuna preghiera.

G.M