La Cura

La forma più alta dell’Amore è la Cura curare, significa essenzialmente dono: attenzione,interesse, dedizione..curare è praticamente avere a cuore, tenere abbracciati qualcuno così tanto fortemente da preoccuparsi quando è a rischio la sua gioia, la sua serenità, e fare qualsiasi cosa per riportare l’anima dell’altro/a verso il suo bene..curare è tenerezza infinita da sfidare ogni solitudine, ogni malinconia, ogni turbamento, curare è esplodere di gioia per ogni tua gioia piangendo  fino alle lacrime quando sei felice.

Curare è fuoco acceso che mai si spegne che arde in una casa dove sai di poter tornare ogni volta che ne senti il bisogno, perchè rifugio contro ogni sorta di intemperie.. è sedersi infreddoliti e bagnati  sapendo che senza bisogno di domandare e spiegare riuscirai a trovare ogni risposta che cerchi per crederci, sperare, sognare e  vivere ancora..certo/a che non sarai mai offeso criticato e  nemmeno umiliato..perchè prima di te io credo in te, prima che tu mi voglia bene io già ti amo…prima di ogni tua carezza io ti stringo tra i miei sorrisi e le mie pene e sei il mio di  bene ancora prima che io possa diventare il tuo.. la cura è il mio modo di amare e di amarti...e non smetterò mai, nemmeno nel caso tu mai te ne accorgessi…

G.M

Per ogni passo

803aa8f5f189a9824b3385fa7a848247

Una preghiera per ogni passo

calpestare strada come un canto

tutto l’Amore è viaggio nel tempo

sabbia perlustrata, grotte dipinte,

gola di pietra calcarea

vento che raschia aria

sole a ferire la neve

luce a cristallizzare fiato

spazio bianco trasudante bianco

come una pellicola esposta al buio

accanto ai piedi

gioia impronunciabile

impronte di carezze

e pieghe di carta increspata

riempite da pioggia

e capire che non c’è canzone che il Mare

 non sappia  mettersi in bocca!

G.M

15 dicembre…

407810_160416567398799_478167556_n

Avevo poco più di venti anni..era dicembre e la Luna nel grembo…

la Vita mi stupiva con il sua infinita Bellezza:

diventavo madre!

era il 15 di questo mese di luci e neve

ed io stringevo tra le braccia, stordita, ubriaca di felicità un fagottino di.2,680 Kg..eri stupenda!

eri la Gioia,eri tutto il mondo in un unico abbraccio…

da allora mesi, anni, giorni e momenti

con il tuo vagito che mi canta nel cuore ed assomiglia

ad un sorriso  che canta

è la tua dolcezza tenera a 

ricordarmi quel giro sul Cielo

che non smette di incantarmi!

Auguri sangue mio..sei tu il regalo più grande

che scarto ogni giorno, sempre nuovo, sempre bello..sei tu

vita della mia vita!

G.M