Buona serata

1901436_648335425287883_3982226240967792366_n[1]

 Mi sa che ho esagerato con i tacchi…

che dite?  

accidenti!..mi sembra di stare sui trampoli!

Intanto buona serata a voi..la mia deve ancora iniziare

se non casco prima, naturalmente.

si festeggia un compleanno importante 

stasera… ed io sono euforica.

G.M

Oggi vado de Califfo…

Io nun piango di Franco Califano

(di: Franco CalifanoDel Giudice)

Io nun piango pe’ quarcuno che more,
non l’ho fatto manco pe ‘n genitore
che morenno m’ha ‘nsegnato a pensare,
non lo faccio per un altro che more.

Io nun piango quanno scoppia ‘na guera,
er coraggio de’ l’eroi stesi in tera,
io lo premio co’ du’ fiori de serra,
ma nun piango quanno scoppia ‘na guera.

lo piango, quanno casco nello sguardo
de’ ‘n cane vagabondo perché,
ce somijamo in modo assurdo,
semo due soli al monno.

Me perdo, in quell’occhi senza nome
che cercano padrone,
in quella faccia de malinconia,
che chiede compagnia.

Io nun piango quanno ‘n omo s’ammazza,
il suo sangue nun me fa tenerezza,
manco se allagasse tutta ‘na piazza,
io non piango quanno ‘n omo s’ammazza.

Ma piango, io piango sulle nostre vite,
due vite violentate.

A noi, risposte mai ne abbiamo date,
ecco perché la sete…
lo piango, so tutto er tempo che ce resta
e me ce sento male.

Domani, se non sbajo è la tua festa;
la prima senza viole…
la prima senza viole…
la prima senza viole…

Spirito audace

12706_243063082547188_8350893340784387687_n[1]

Spirito audace

Non posso tradurre in parole
i miei spasmi incastrati
ed allora i miei versi
sono sillabe mute
ansimanti
che cercano la nettezza festiva del cielo
dalle mie labbra cade la voce
mentre tra i denti soffia la pancia
che brontola
rosicchiando la notte
qualche volta sono soltanto un’ isola
selvaggia, deserta
dalla costa frastagliata di rocce
isola
dagli alberi con radici bagnate di sangue
protese , supplichevoli verso il mare
e foglie esauste di essere ombra
soffio di vento grecale
freccia di intenso
conficcata nelle pieghe di questa stessa vita
strappo di fiera bellezza che mi confonde
derubata dei suoi giorni scuri
soltanto tempo
che batte e rade deserto,
spirito audace
che nuota nell’aria..
G.M

Me n’ammore de te.

Aoh, che c’e, nessuno te conosce come me…
ho già capito tutto, da quanno t’hanno detto che so’ matto,
c’hai paura de qualche mia pazzia, magari che de botto vada via
ma all’età mia, ‘ndo vado?
Io so’ ‘n guerriero che sta riposanno
dopo che ha rivortato mezzo monno
ma ormai c’ho er doppio petto e la cravatta
‘ndo voi che vada viè , nun fa la matta.
Tu ormai pe’ me sei l’ultima occasione;
sei giovane; sei bella e me stai bene,
te pare poco dì, te pare poco, nun devi ave’paura io nun gioco,
io qui sto rilassato e chi se move,
fori fa pure freddo e come piove…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
Lo faccio ‘n po’ pe’ rabbia, un po’ pe’ nun sta solo
come sta solo ‘n omo nella nebbia
perché nun po’ parla’ manco cor cielo…
Me ‘nnamoro de te lo devo fa’ pe’ me
me serve ‘n’ emozione come me serve er pane
‘sta vorta ce la vojo mette’ tutta
me devo ‘nnammora’ vado de fretta…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
sei l’urtima rimasta devi esse’ quella giusta
senza sforzamme già te vojo bene
spero che duri ‘n po’ de settimane…
Io qui sto rilassato e chi se move
fori fa’ pure freddo e come piove…

Già…e chi se move… e chi  se move…

Quel che non sai di me

10409475_741420529253602_3363094433838929449_n[1]

Quante e quante cose non sai di me! Non sai ad esempio che amo da morire le prime luci dell’alba, quel silenzio ovattato della mia mente avvolta  da strascichi di un sogno e la luce incerta che aspetta di affacciarsi al giorno che nasce, l’alba dove tutto assomiglia a una possibilità, una promessa, perchè al mattino io sono morbida ma è durante la notte che so sciogliermi del tutto.

Non sai che sono testarda, più tenace  di un muro che sa reggere ogni impedimento e ogni difficoltà ma non cede crollando, cade e si frantuma soltanto quando si sono esaurite tutte le speranze e non resta che resa..sono caparbia ma so capire quando non ho alcuna possibilità ed allora sorrido e volto pagina.

Non sai dei mie bronci e i sorrisi tirati in una smorfia di tristezza e delusione..che durano sempre troppo poco per tenerne conto..e dei baci e le carezze che so darti subito dopo che quasi quasi cominci a cercare un altro motivo o un modo per farmi arrabbiare.

Di certo non sai tante e tante cose di me…non sai che sono grande ma  con tutto il mio entusiasmo e il mio stupore infantile, tutti i miei giochi e le mie fantasie e  tu fai davvero fatica a crederci davvero e mi vedi bambina che ti stuzzica sempre per non lasciarti invecchiare.

Non sai che sono sempre distratta..altrove, ma so essere l’unico porto sicuro che conosci, dove approdare, dove sostare, perchè è vero che mi sfuggono sempre certe cose e spesso stravedo invece che vedere ma sono la persona più attenta che ti è capitata di incontrare per tutto ciò  che ti riguarda, per quel che ti fa bene e quel che invece ti fa male e ti disegna i dettagli da dove puoi sempre ricominciare.

Non sai che prediligo  le scienze umanistiche e che in matematica non sono proprio una cima ma so contare uno per uno tutte le volte che mi hai voluto bene davvero, che mi hai desiderato senza pretesa che è poi l’unico modo che mi piace sul serio, lasciandoti semplicemente amare..e so il saldo della vita mia, quanto ho pagato e quanto mi resta da scontare..e della matematica conosco benissimo tutte le operazioni per far quadrare al meglio tutti i  miei bilanci fino a capire che ho ancora tutto da studiare ed imparare.

Non sai che sono dispettosa..ma i capricci migliori, quelli che meglio mi vengono sono tutti quelli che faccio contro il vuoto e la disperazione…che so punire fino a farmi detestare, non sai che mi piace toccare piuttosto che essere toccata per indicarti la strada attraverso  la quale mi puoi attraversare senza farmi male, mi puoi abbracciare senza chiudermi e accarezzare  di mani senza spine..non sai che non mi piace il buio profondo e preferisco una luce soffusa perchè è così che possono scorgere i tuoi occhi che mi guardano senza invadermi e  farmi imbarazzare..e se devo proprio spogliarmi tutta  devo sentire il tuo calore per non tremare e il tepore del tuo fiato che mi accende.

Quante e quante cose di me non sai! Non sai che sono un libro aperto che so parlare con tutto quello di cui dispongo..occhi, sorrisi, bocca,pelle e mani..e c’è sempre qualcosa che non riuscirai mai a capire fino in fondo perchè siamo tutti isole calpestate dalla vita prima che dall’Amore e in fondo ognuno vi è un’impronta, una traccia.

Non sai, non sai del mio abbandono  quando casco nel tuo sguardo…non sai che navigo e non vorrei mai più tornare e che so piangere piangere così tanto da smettere solo  per vederti sorridere e sapere così cosa vuol dire ancora gioire…non sai tutte le parole che conosco per riportarti a te quando non ti sai più trovare, ma soprattutto non sai che ci sono cose di me che non conosci…  una tra tutte che sono impossibile da vivere e quasi poter sopportare  ma irresistibile quanto tu ti lasci soltanto amare..e altro, ma quelle cose, sono tutte nostre e si sussurrano all’orecchio perchè nessuno possa sentire e approfittare.

G.M