Andiamo…

getmedia

Vieni cuore mio, ti porto a casa..ci siamo persi un po’ io e te quando abbiamo cominciato ad andare per mare..già questo nostro Mare che rimane comunque la strada che ci invita e ci aspetta che ci fa tornare.
Quante ne abbiamo viste, quante onde altissime e quanta tempesta!…c’è stato pure calma e piatta e lì tu scalpitavi in attesa del movimento perchè senza vento tu proprio non ci sai stare..porgi il lato più freddo dove spira brezza e aspetti che si dondoli prima di non aver più voglia di credere che dopo arriva il sole.
Quanti incontri..quanti naviganti ! tutti con le loro barche..vele bianchissime aizzate verso l’azzurro cielo e poi anche qualche zattera malconcia,giusto quattro travi di legno incrociate a sfidare il tempo di una carezza per poi affondare..e poi navi scure con bandiere nere..pirati a defraudare qualche bella gioia..portarsela via ed osannare un grido di vittoria senza capire che non si ruba niente a chi ha imparato a vivere senza possedere nulla a parte i sogni e una splendida speranza che mai muore.
Vieni, cuore mio ti porto a casa…piove, è il tempo giusto..viaggeremo ancora per questo mare..e ci saranno ancora tanti giorni di bellissima follia, disegneremo cerchi sull’acqua come fanno i delfini quando cantano d’amore..inabissandoci più volte senza fiato per respirare..e canteremo echi lontani senza voce soltanto con la memoria..e ci saranno giorni in cui il silenzio è l’unica forza, l’ultima parola..saluteremo la tristezza di un abbraccio rimasto a mezz’aria e tutti coloro a cui non siamo mai piaciuti..per loro sappiamo vi sono altri cuori che aspettano di essere soltanto avvistati  e manderemo i nostri baci a tutto ciò che ci fa sorridere sempre..vieni cuore mio, andiamo a casa…tu ed io soli, si, ma con il mondo tutto dentro e la vita ad ogni amore, ogni sguardo, ogni tocco..ogni piccola insignificante parola, taciuta, gridata, cantata e persino mai interpretata.
G.M

Musica

Ho i miei dolori, amori, piaceri particolari; e tu hai i tuoi. Ma dolore, gioia, desiderio, speranza, amore, appartengono a tutti noi, in ogni tempo e in ogni luogo. La musica è l’unico mezzo con cui sentiamo queste emozioni nella loro universalità.
(HA Overstreet)

Sally

f1fcfec607c62db91147953742ff6f492

Sally cammina per la strada senza nemmeno….
….guardare per terra
Sally è una donna che non ha più voglia
….di fare la guerra
Sally ha patito troppo
Sally ha già visto che cosa….
“ti può crollare addosso”!
Sally è già stata “punita”…
per ogni sua distrazione o debolezza…
per ogni “candida carezza”…
“data” per non sentire….l’amarezza!
senti che fuori piove
senti che bel rumore…
Sally cammina per la strada sicura
senza pensare a niente!
….ormai guarda la gente
con aria indifferente…
….sono lontani quei “momenti”…
quando “uno sguardo” provocava “turbamenti”..
quando la vita era più facile…
e si potevano mangiare anche le fragole….
perché la vita è un brivido che vola via
è tutt’un equilibrio sopra la follia….
……….sopra follia!
senti che fuori piove
senti che bel rumore…

Ma forse Sally è proprio questo il senso…il senso…
del tuo “vagare”…
forse davvero ci si deve sentire….
alla fine….un Po’ male!….
Forse alla fine di questa “triste storia”
qualcuno troverà il coraggio
per affrontare “i sensi di colpa”…
e CANCELLARLI da questo “viaggio”….
per vivere davvero ogni momento…..
con ogni suo “turbamento”!….
e come se fosse l’ultimo!

Sally cammina per la strada…”leggera”…
ormai è sera…
“si accendono le luci dei lampioni”…
“tutta la gente corre a casa davanti alle televisioni”..
ed un pensiero le passa per la testa
“forse la vita non è stata tutta persa”…
forse qualcosa “s’è salvato”!!…
forse davvero!…non è stato “poi tutto sbagliato”!
“forse era giusto così!?!”….
……..eheheheh!………
forse ma forse ma si….
cosa vuoi che ti dica io
senti che bel rumore..

Vasco