nostalgia-L-DztJEg

“Nel Paese della Memoria il tempo è sempre Ora.
Stephen King, La canzone di Susannah, 2004″

Conosco a memoria: l’alfalbeto, la filastrocca sui mesi dell’anno per ricordare il numero dei giorni, una o due poesie che rimpiango di non aver scritto, i titoli e gli autori dei libri che ho letto, il mio primo e l’ultimo bacio che ho dato, la prima carezza che  ho sentito sfiorarmi sottopelle e l’ultima in ordine cronologico che ho lasciato, ricordo la mia prima volta in bicicletta, la paura di non riuscire a mantenere l’equilibrio e l’euforia nel pensare che sarei riuscita comunque ad imparare, potrei farti uno schizzo preciso accurato del camerone in cui ho dormito da bambina e indicarti in mezzo ad un sacco di posti  quello  esatto in cui ho trascorso le mie notti più lunghe, è impresso nei miei occhi il primo sguardo d’amore e di accettazione dei miei genitori che non è collegabile paradossalmente al nostro primo incontro ma ad un giorno lontano in cui ci siamo guardati davvero senza maschere e inganni sotto la luce di una Verità fino ad allora sconosciuta e il motivo che ci  ha fatto sprecare soltanto tempo, giorno in cui è iniziato il momento di amarci sul serio, ricordo a memoria  tutti i numeri di cellullare delle mie sorelle e dei parenti più stretti, le date di nascita di un sacco di persone, nomi e cognomi dei vicini di casa e delle persone con le quali stabilisco un contatto, conosco pure a memoria il posto di  ogni cosa che ripongo e conservo, so a memoria il percorso di ogni via per andare e tornare  a casa, mi ricordo di ogni fotografia, il luogo, la circostanza e persino l’umore del momento, dei miei figli ricordo ogni istante dal momento del loro concepimento fino a quando li ho stretti per la prima volta, di me conosco a memoria la forma dei seni, le curve del mio corpo, la forma delle mani e dei miei piedi e di ogni dito conosco la lunghezza delle falangi e so del peso delle mie ossa, posso intuire e vedere ad occhi chiusi i miei organi, polmoni, fegato e cuore, so quando patiscono e quando pulsano e respirano,quando si intossicano e quando si depurano, della mia mente so capire quando si accende e quando dorme, so a memoria i punti più nascosti dove si attivano certe pulsioni, ciò che mi eccita e ciò che mi infastidisce, so delle mie rughe e dei miei nei, della pelle capisco quando può essere ruvida o setosa…so a memoria dei miei occhi tutto ciò che hanno visto e tutto quello che bramano di scorgere, le lacrime che li hanno lavati e le gioie che le hanno fatto socchiudere in una bella risata, della mia bocca so del gusto di miele che si appiccica su altre labbra e che non sai toglierti di dosso e so del fiele che non sa più da dove uscire, delle narici e del naso gli odori della mia terra di mare e fuoco e delle mie orecchie armoniose il ricordo di melodie misteriose che rincorro da sempre, musica che arriva da un posto molto lontano e infine della mia statura  piccola e minuta ho memoria del mio orgoglio tenuto a bada a ridimensionare il mio vero posto..conosco a memoria un sacco di cose, tutto ciò che attraverso e che mi percorre, tutto ciò che va e che resta fermo immobile di quiete, ma soprattutto so a memoria ogni strada segnata sul cuore…e quelle  Gioia mia , sono vie che mai si dimenticano!

G.M

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...